Analisi dei Risultati: l'esportazione in ambiente CAD

Oltre alle analisi dei risultati delle simulazioni nel visualizzatore interno, il quale, come detto, copre la grande maggioranza delle necessità di visualizzazione, SELF3D offre altresì diverse modalità di contestualizzazione in ambienti esterni, al fine di sfruttare le loro potenzialità. Tra queste figura la visualizzazione in ambiente CAD delle isolinee e isovolumi dell'induzione magnetica simulata. Quest'ultime possono quindi essere sovrapposte al territorio, anche grazie alla grande disponibilità (presso enti locali e provinciali) di mappe in formato dxf/dwg.
Per le operazioni in ambiente CAD, SELF3D offre due possibilità:

  • Generazione diretta di file DXF da parte di SELF3D. Il formato DXF è quello più noto e diffuso per lo scambio di informazioni tra i diversi programmi di grafica vettoriale. In questo caso il nostro software si occupa direttamente di generare files di tipo DXF relativi alle varie simulazioni effettuate, senza che l'utilizzatore si debba occupare di qualsivoglia operazione in merito. Questi files possono quindi essere aperti (e sovrapposti a mappe del territorio) in qualsiasi software CAD (ma anche da software GIS), come, per esempio, alcuni applicativi CAD gratuiti e/o open source (vedi, ad esempio, DraftSight, nanoCAD, ecc)

  • Generazione delle isolinee e isovolumi simulati da SELF3D direttamente dall'interno dell'ambiente CAD. Questa opzione (l'unica disponibile nella versione LITE dell'applicativo), a differenza della precedente valevole per qualsiasi ambiente CAD, è disponibile solo per quelli dotati della capacità di elaborazione di script di tipo .FAS (ad esempio AutoCAD Full)

    Come esempi per mostrare il tipo di esportazione generato vediamo la visualizzazione in ambiente CAD di due isolinee (giallo e ciano) dell'induzione magnetica e dei conduttori (rosso) sovrapposti ad una mappa dwg del territorio. Il tutto visualizzato nella versione gratuita del software DraftSight.


    Figura 1: Visualizzazione in ambiente CAD delle isolinee generate automaticamente come file DXF da SELF3D



    Di seguito vediamo invece una simulazione su una sequenza di piani verticali (grazie all'apposito modulo di SELF3D) sovrapposta ad una modellazione CAD 3D di un edificio nelle vicinanze. Questa analisi è stata realizzata per verificare che la fascia di rispetto (isovolume 3D) non intersecasse l'edifico in fase di progetto.


    Figura 2: Visualizzazione in ambiente CAD 3D delle isolinee verticali e di un modello 3D dell'erigendo edificio.